Bonneville Speedway: la pista dei record

Bonneville Speedway è un insieme di tre circuiti che sorgono nell'area del lago salato di Bonneville: un rettilineo di 16 km usato per stabilire i record mondiali di velocità, un ovale di 19 km sfruttato per le prove e un ulteriore rettilineo di 5 km di recente ideazione.

Lo scenario? I Salt Flats, un'ampia distesa pianeggiante che si estende per circa 250 chilometri quadrati nello Utah nordoccidentale. Successivamente all'ultima glaciazione terminata 10mila anni fa, si formò un grande lago salato sfruttato per l'estrazione del cloruro di sodio.

La superifice piana e quasi completamente priva di imperfezioni ha stimolato la fantasia di diversi appassionati di motori. A partire dagli anni Trenta il luogo divenne un punto di ritrovo per Ab Jenkins, Malcolm Cambpell e George Eyston per tentare nuovi record di velocità.

Alla guida del suo Challenger 1 nel 1960 Mickey Thompson fu il primo pilota a stelle e strisce a superare i 440 km/h. La pista ha avuto un ruolo primario anche per quanto riguarda il nostro paese. Infatti, nell'agosto del 2011 Fabio Montanari a bordo dellaGus  Gus Streamliner raggiunse la velocità massima di 498 km/h e la velocità media di 483 km/h, risultati tutt'oggi imbattuti dai colleghi italiani.


La Indian (una moto a 2 cilindri creata per l'evento) di Burt Munro nel 2017 stabilì il record per una carenata pari a 295 km/h.

Fanno eccezione due personaggi un po' eccentrici che a Bonneville hanno legato il proprio destino. Il primo è Teddy Tetzlaff, soprannominato "The Terrible" per via della sua temerarietà alla guida: questo autentico spericolato dei motori fu il primo, alle soglie della Prima Guerra Mondiale, a dare spettacolo sul lago salato con una velocità di 228 km/h. Il secondo, invece, è il bizzarro Rollie Free che negli anni Quaranta sfrecciava a a tutto gas da quelle parti indossando soltanto casco e costume da bagno.

Se avete in programma un viaggio nello Utah non dimenticatevi di fare un salto nei pressi della famosa pista statunitense. Altrimenti per appagare la vostra passione a quattro ruote c'è Officina59, la serie targata Alpha in onda sul canale 59 del digitale terrestre.



© Copyright De Agostini Editore 2017 - P.IVA 01689650032
De Agostini Editore S.p.A., sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A., - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)