Bisonti: quella sporca ultima meta


Vi ricordate “Quella sporca ultima mèta”, il film in cui uno straordinario Burt Reynolds intepreta un ex giocatore di football finito dietro alle sbarre alle prese con il match della vita tra carcerati e secondini? Dalla finzione alla realtà il passo è breve. L'avventura dei Bisonti (i rugbisti protagonisti dell'omonima serie) rievoca, in parte, la famosa pellicola di Hollywood seguendo le vicissitudini dei reclusi di una prigione ad alta sicurezza di Frosinone.

L'unico spazio di libertà dei giocatori diventa il terreno di gioco che ospita le partite dell'insolita squadra di rugby. Placcaggio dopo placcaggio, mischia dopo mischia, scontro dopo scontro, i trenta detenuti dovranno affrontare una risalita dagli inferi ancor prima che un semplice campionato di Serie C.


A guidarli inizialmente ci sarà Alejandro Maria Villalon, ex professionista ad alto livello tra Argentina e Italia e attualmente impegnato come Responasbaile Tecnico di molte selezioni giovanili.


Tante le storie particolari che si intersecano in questo progetto rieducativo. C'è quella di Prezioso, un ragazzo nigeriano con una condanna da scontare e mille rimpianti per un passato burrascoso che si ritrova ad essere capitano del gruppo. Poi c'è quella del pilone Renato che attraverso il rugby e le telecamere proverà a dare a proprio figlio una diversa immagine di sé.



Per comprendere appieno l'importanza di questa terapia sociale basti pensare che il Coni, il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, ad oggi promuove più di 10 iniziative di questo tipo in collaborazione con alcuni istituti penitenziari di Lombardia, Campania, Lazio, Umbria, Marche e Puglia.

Lo sport, in questo caso, cambia il punto di vista attraverso cui guardare la realtà, scacciando anche soltanto per ottanta minuti lo spettro dei rimorsi di coscienza. Ma soprattuto l'attività sportiva diventa sinonimo di rispetto delle regole e del prossimo in un continuo gioco di riflesso con la realtà. Se vuoi seguire anche tu il campionato dei Bisonti e fare il tifo per loro non perderti la prossima puntata giovedì 22 marzo alle ore 22.40 sul canale 59 del digitale terrestre!





© Copyright DeA 59 S.r.l. 2017 - P.IVA 02405400033
DeA 59 S.r.l., Società con Socio unico - Sede legale in Novara, Via Giovanni da Verrazano n. 15 - Codice fiscale ed iscrizione al Registro delle Imprese di Novara n. 02405400033 - Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. - Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di De Agostini Editore S.p.A. con sede legale in Novara, Via Giovanni da Verrazano n. 15.