La carriera di Marco Materazzi

Marco Materazzi nella sua vita ha combattuto innumerevoli battaglie, trovando sui campi di calcio molti nemici, molti avversari leali che ne hanno apprezzato l’agonismo e soprattutto tantissimi amici.
Ci racconterà questo e tanto altro nella prossima puntata di Campi di Battaglia, ma intanto scopriamo insieme quali episodi hanno reso la sua carriera degna di essere raccontata.

La sua passione per il calcio è sicuramente dovuta al padre, che è stato prima calciatore e diventato poi allenatore, vediamo come è cominciata e come si è evoluta la carriera di Marco Materazzi.
Da bambino gioca per le giovanili di Lazio e Messina per poi passare in Promozione con la squadra Tor Di Quinto dove resterà ben due anni. L’anno successivo un breve passaggio al Trapani per poi approdare al Perugia allenato da Walter Novellino in serie B.
Al Perugia gioca nel campionato Primavera vincendolo nel 1995. Per accumulare minuti nelle gambe va in prestito al Carpi, che militava in serie C1. Già a gennaio è richiamato a Perugia dove esordisce in serie A il 2 febbraio del 1997 contro l’Inter in una partita terminata zero a zero.
Il suo primo gol in serie A non tarda ad arrivare: solo pochi giorni dopo l’esordio segna la sua prima marcatura nella massima serie contro la Juventus (Juventus - Perugia 2-1, 16 febbraio).
Purtroppo il Perugia retrocede in serie B a fine anno ma Marco rimarrà per condurre la squadra umbra alla subitanea risalita in serie A.
La stagione 1998-99 lo vede protagonista all’Everton dove però ha problemi ad ambientarsi, collezionando 27 presenze, 1 solo gol e ben 4 espulsioni.
Riacquistato dal Perugia l’anno successivo, si carica la squadra sulle spalle portandola a guadagnare la salvezza con i suoi rigori e le sue punizioni: i 12 gol collezionati quell’anno resistono ancora come record di marcature segnate da un difensore in un solo campionato.
L’annata spettacolare al Perugia gli vale la sua prima convocazione nella Nazionale maggiore e l’interesse dell’Inter, che lo preleverà dalla squadra umbra.
Ironia della sorte: il suo esordio in serie A era stato contro l’Inter e la sua prima partita con la nuova maglia nerazzurra avviene proprio contro la sua ex squadra.
Con l’Inter disputa la Coppa UEFA e la Champions League mentre in Italia lotta per lo Scudetto. Intanto con la Nazionale italiana vince la Coppa del Mondo da vero protagonista.
Nella stagione 2006-07 arriva il primo Scudetto, grazie anche alle 10 reti di Marco in campionato, mentre la stagione successiva giocherà poco a causa di un infortunio con la Nazionale, cosa che non impedisce alla squadra di arrivare alla vittoria del titolo.
Con l’arrivo di Mourinho all’Inter si continua un ciclo già iniziato con i due Scudetti vinti ma l’apice èil Triplete conquistato nella stagione 2009-10 con le vittorie in serie A, Coppa Italia e Champions League.
L’anno successivo vede la rescissione consensuale del contratto con l’Inter. Si chiude un ciclo di vittorie che lo ha visto protagonista con la maglia nerazzura sia in Italia che in Europa. Con la squadra milanese in 10 anni ha infatti conquistato 5 Scudetti, 4 Coppa Italia, 4 Supercoppa italiana, 1 Champions League e 1 Coppa del Mondo per club.
Abbandonando l’Inter, Materazzi abbandona anche l’Italia. Giunge in India nella Indian Super League, al Chennaiyin, dove è giocatore e allenatore. Nel 2015 riesce ad arrivare alla vittoria del campionato.



© Copyright De Agostini Editore 2017 - P.IVA 01689650032
De Agostini Editore S.p.A., sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A., - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)