La caduta del muro di Berlino: 30 anni dopo

Nell'ultima giornata di Bundesliga si è verificato un fatto storico: per la prima volta da quando la Germania è stata riunificata si è giocato il derby di Berlino in massima serie.

L'Union Berlin, formazione dell'ex Repubblica Democratica Tedesca, finalmente ha potuto sfidare in una stracittadina la più famosa Hertha Berlin con base all'Olympiastadion, nella vecchia Berlino Ovest. Ci sembrano discorsi surreali per un paese che ad oggi è una potenza mondiale e traina l'economia dell'Unione Europea. Eppure il muro di Berlino cadde soltanto 30 anni fa, dopo un lungo periodo di conflitti, sospetti, scontri politici.


Per le nuove generazioni che conoscono la capitale tedesca come una città culturale, vivace e alternativa, risulta difficile immaginare un passato buio all'insegna di una cortina di ferro. Sembrò assurdo anche agli abitanti che nella notte tra il 12 e il 13 agosto videro sorgere, mattone dopo mattone, un muro di separazione in città. Il regime comunista decise di innalzare una separazione tra la parte di Berlino occupata dagli Alleati e quella in mano all'Unione Sovietica. Al filo spinato ben presto si sostituì il cemento per un totale di 155 km di divisione.



La libera circolazione non era più possibile, alcune famiglie rimasero separate per quasi 30 anni prima di potersi riunire. Nel 1962 un secondo muro parallelo formò insieme al primo uno spazio definito la striscia della morte, rimarcando le vere intenzioni della DDR. Nel corso degli anni vi furono diverse ristrutturazioni del simbolo della divisione, tanto che si iniziò a parlare di muro di prima generazione, di seconda generazione e così via.

Si stima che solo poche migliaia di persone riuscirono ad oltrepassare il muro in tre decenni, mentre più di 100 furono uccise dai militari. Su Alpha celebreremo il trentennale della caduta del muro di Berlino con uno speciale che ripercorrerà i dieci momenti chiave che hanno portato allo storico evento. L'appuntamento è per martedì 5 novembre, ore 21:50, solo sul canale 59. Per maggiori informazioni sul nostro palinsesto potete consultare la nostra Guida TV!





© Copyright DeA 59 S.r.l. 2017 - P.IVA 02405400033
DeA 59 S.r.l., Società con Socio unico - Sede legale in Novara, Via Giovanni da Verrazano n. 15 - Codice fiscale ed iscrizione al Registro delle Imprese di Novara n. 02405400033 - Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. - Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di De Agostini Editore S.p.A. con sede legale in Novara, Via Giovanni da Verrazano n. 15.