Un uomo Alpha: Kazuyoshi Miura


Kazuyoshi Miura
non ne vuole proprio sapere di smettere di giocare a calcio. L'attaccante dello Yokohama FC a 52 anni continua a dare la caccia a nuovi record. Il 12 marzo del 2017 ha segnato un gol contro il Thespa Kusatsu all'età di 50 anni e 14 giorni, diventando il marcatore più anziano della storia del calcio.

Anche grazie agli ultimi rinnovi di contratto con il proprio club, Miura (che ora ha 52 anni) ha superato il precedente record di longevità di Stanley Mattews (in campo a 50 anni e 5 giorni). È sorprendente come il giocatore giapponese non si diverta sui campi di periferia o dei dilettanti bensì nella J2 League, cioè nella seconda divisione del campionato asiatico. Un vero e proprio livello professionistico, seppur non all'altezza di quelli europei, formalmente riconosciuto dalla Fifa.


Forse qualcuno ricorda King Kazu – questo il soprannome che gli hanno affibbiato i tifosi – anche nella nostra Serie A. È una memoria di un passato lontano, risalente alla stagione 1994/1995. A quel tempo il bomber militava nelle fila del Genoa, squadra che gli ha permesso di disputare 22 partite nella nostra massima serie.


Passato agli onori di cronaca soprattutto per la folta chioma in stile Mark Lenders, Miura riuscì anche ad infiammare la piazza con un gol nel derby della Laterna. In carriera vanno registrate anche un'esperienza in Brasile (Santos e Coritiba) e Croazia (Dinamo Zagabria), prima del ritorno in patria.

Senza dubbio il caso di Miura dimostra come un vero professionista possa prolungare la propria attività sportiva, seppur non sempre ad altissimi livelli, grazie allo spirito di sacrificio, all'impegno negli allenamenti e ad uno stile di vita salutare.

In un'intervista di qualche tempo fa così si esprimeva l'attaccante giapponese per L'Equipe:
«È il corpo che decide. Se sarò stanco al punto da non potermi allenare, sarà il momento. Ma oggi non riesco a immaginare di dire addio a 50mila persone dentro uno stadio. Non mi interessa diventare allenatore, presidente, direttore sportivo o commentatore tv. Il mio unico desiderio è essere un calciatore. Fino alla morte se possibile».





© Copyright De Agostini Editore 2017 - P.IVA 01689650032
De Agostini Editore S.p.A., sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A., - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)