Monte Bianco: nuove regole per l'accesso al versante francese

Il turismo di massa ormai sta mettendo a dura prova anche i paesaggi più sublimi del pianeta. Alcuni ambienti naturali non riescono a sopportare il grande flusso di persone e le conseguenze che ciò comporta: rifiuti, sovraffollamento, inquinamento.

A farne le spese è anche il nostro Monte Bianco, la cima più alta d'Europa con i suoi 4810 metri. La Prefettura dell'Alta Savoia ha deciso di limitare l'accesso alla vetta introducendo un numero chiuso per gli scalatori. L'obiettivo è anche quello di combattere l'abusivismo che si sta sviluppando negli ultimi anni, con numerose guide alpine senza permesso che accompagnano i turisti. A partire dal 24 maggio la Via Reale, quella lungo il versante francese, sarà accessibile solo con una prenotazione (in uno dei rifugi). Gli utenti dovranno mostrare la ricevuta relativa per il Nid d’Aigle (20 posti) o per il rifugio Tête Rousse (74 posti) o per il rifugio del Gouter (120 posti).


In questo modo si cercherà di dare un'organizzazione agli oltre 25mila turisti che ogni anno prendono d'assalto i sentieri del Monte Bianco dalla parte francese. Nel campo base di Tete Rousse verranno ammesse non più di 40 persone. Chi trasgredisce andrà incontro a multe salatissime: fino a 15mila euro per le infrazioni, da due anni di carcere e fino a 300mila euro per i reati ambientali.



Questi provvedimenti non vanno solo a tutela dell'ambiente montano, ma anche degli scalatori. Negli ultimi decenni diversi scalatori sono morti per non aver rispettato le norme di sicurezza e per non essersi affidati a guide con regolare licenza. In questo senso si sta già lavorando per mettere al sicuro il sentiero del Gouter dal pericolo di caduta dei massi.

Con l'occasione vi ricordiamo l'Alpha Experience che mette in palio una fantastica avventura sul Monte Bianco. Clicca qui per maggiori informazioni sul nostro contest.





© Copyright DeA 59 S.r.l. 2017 - P.IVA 02405400033
DeA 59 S.r.l., Società con Socio unico - Sede legale in Novara, Via Giovanni da Verrazano n. 15 - Codice fiscale ed iscrizione al Registro delle Imprese di Novara n. 02405400033 - Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. - Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di De Agostini Editore S.p.A. con sede legale in Novara, Via Giovanni da Verrazano n. 15.