Concept Cars: l'originalità alla base delle auto

Una Concept Car è un'auto unica nel suo genere, spesso il prodotto di un'accurata riflessione tra il designer, gli ingegneri e la casa produttrice. Non bastano solo matita e righello per sfornare un'idea all'avanguardia, serve anche quell'originalità che solo Giorgetto Giugiaro, Harley Earl e pochi altri sono stati in grado di avere.

Le idee alla base di un progetto possono essere molte: lo sviluppo di una meccanica più efficiente, il rispetto dell'ambiente, la sincronia tra il guidatore e il mezzo, la scelta di uno stile in controtendenza con il gusto estetico contemporaneo. I risultati più significativi tra le concept cars sono elencati di seguito.

- BUICK Y-JOB
Per la prima volta nella storia dell'automobile nel 1938 venivano abbandonate (temporaneamente) a livello di design le linee rigide e squadrate per dare spazio alla sinuosità e alle curve. Fu la statunitense Buick a lanciare la concept car per eccellenza, la Y-Job. Uno dei punti di forza era sicuramente il tetto convertibile a comando elettrico-idraulico che, una volta aperto, veniva celato da una struttura in acciaio. Una vera delizia per gli occhi, merito del geniale Harley J. Earl.



- BIZZARRINI MANTA
Nella breve storia della Bizzarrini, il marchio fondato dall'omonimo costruttore in attività tra il 1963 e il 1969, un posto di rilievo è occupato dalla Manta (la prima creazione di Giugiaro dopo il divorzio con Bertone). Il primo coupé monovolume fu un esperimento ardito e di poco successo, ma sicuramente impresso nella memoria di tutti gli appassionati di motori.


- TOYOTA POD
Un'idea così originale non poteva che venire dal Giappone. Risultato della collaborazione tra la Sony e la Toyota, la Pod ha potenziato la comunicazione tra l'autista e la vettura. Il software di bordo è in grado di percepire lo stato d'animo o l'agitazione del guidatore e di fornire consigli di conseguenza.


- JAGUAR C-X75
Al Salone di Parigi del 2010 la Jaguar ha sorpreso tutti con un modello all'avanguardia: si tratta della C-X75, nata per celebrare il settantacinquesimo anniversario della casa del Giaguaro. Questa straordinaria coupé sportiva si distingue per il motore elettrico a emissione zero e un'autonomia massima di 900 km.


- FERRARI 512S BERLINETTA SPECIALE
Rimodellata sul telaio di una 312 P, la Ferrari Berlinetta Speciale nel 1969 fu affidata alla creatività di Filippo Sapino. Grande attenzione fu riposta nell'aerodinamica che sfruttava soluzioni estreme: muso largo, linee affilate, pochissimi elementi d'attrito con l'aria. L'entrata nell'abitacolo avveniva dopo il sollevamento del tettuccio, delle parti laterali e del parabrezza!


- BMW NAZCA C2
La Nazca C2 è l'evoluzione della precedente concept car M12. Il progetto è stato seguito dalla Italdesign di Giorgetto Giugiaro che, grazie al coinvolgimento di Alpina, ha chiesto ai propri ingegneri un motore da 350 CV e un peso complessivo ridotto di 100 kg rispetto alla versione precedente. L'auto è stata celebrata anche nella celebre serie di videogiochi Need for Speed.


- RENAULT SYMBIOZ II
Alla base vi è il concetto che uomo e macchina possano trovare la simbiosi perfetta. La Symbioz dispone di un pilota automatico che permette ai passeggeri di disinteressarsi completamente della guida per godersi il viaggio. In tal senso, la vettura si può trasformare in una sorta di salotto con due divanetti uno di fronte all'altro.


Per saperne di più sui motori e sulle supercar non perdetevi le puntate di Officina59, solo sul canale 59 del digitale terrestre!



© Copyright De Agostini Editore 2017 - P.IVA 01689650032
De Agostini Editore S.p.A., sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A., - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)