Ingegneria dei disastri: i 10 disastri dell'ingegneria impressi nella memoria

Abbiamo ancora tutti sotto gli occhi le scene del crollo del ponte Morandi a Genova. Nonostante siano passati già due mesi le responsabilità non sono ancora state accertate. Rimangono solo i morti e gli sfollati costretti a pagare per errori altrui.

Ma ricordate questi 10 disastri dell'ingegneria che hanno scosso l'opinione pubblica?

- TACOMA
A soli 5 mesi dall'inaugurazione il ponte di Tacoma Narrows collassò per fortuna senza provocare vittime. Il principale difetto del ponte risiedeva nella campata troppo compatta e privi di punti di passaggio per l'aria.


- BANQIAO
Gli ingegneri avevano assicurato che la diga di Banqiao avrebbe resistito anche alle forte sollecitazioni degli agenti atmosferi e idrologici. Non fu così, e nel 1975, in seguito ad un'alluvione, 170mila cinesi furono sommersi dall'acqua fuoriuscita dalla cosiddetta “diga di ferro”.
- CHERNOBYL
Sicuramente molte responsabilità sono degli operatori dell'impianto, ma il rapporto sulle cause del disastro in Ucraina ha evidenziato gravi ed intrinsechi errori di progettazione del reattore RBMK. Dal 1986 la zona da Chernobyl a Kiev continua a subire le tragiche conseguenze.


- DISASTRO DI MINAS GEIRAS
Il più grande disastro ambientale del Brasile deriva dalla rottura dei bacini di decantazione nei pressi di Bento Rodrigues. I detriti di una minera di estrazione del ferro andarono ad inquinare tutta la zona circostante con gravi conseguenze sulla regione. Per la Samarco, società che gestiva le dighe e le miniere, arrivarono pesanti multe per 250 milioni di reais brasiliani.

- PONTE DI MAHAD
Passiamo in India dove lungo l'autostrada Mumbai-Goa nel 2006 si è spezzato in due il ponte di Mahad. Secondo le indagini l'aumento della portata del fiume Savitri non è sufficiente a spiegare la catastrofe.
- SPACE SHUTTLE COLUMBIA
In questo caso si tratta di un errore da parte degli ingegneri della Nasa deputati al controllo del mezzo, nella fattispecie dello Space Shuttle Columbia (breccia nell'ala sinistra) in partenza da Cape Canaveral. Sotto accusa furono messe anche alcune deviazioni rispetto ai requisitit standard del sistema dello scudo termico.

- VAJONT
Con tutta probabilità il triste evento è da imputare ai dirigenti di diversi enti, tra cui la SADE. Alcuni studi geologici e ingegneristici, inoltre, sottovalutarono i pericoli di frana e le possibili conseguenze nei pressi del Monte Toc. Il totale delle vittime si aggira intorno alle 2mila.

- RANA PLAZA
A Dacca, in Bagladesh, nel 2013 si verificò il più grande disastro del paese. Quasi 1200 persone persero la vita nel crollo del Rana Plaza, un complesso comprendente negozi, ristoranti, appartamenti, fabbriche e banche. Errori di progetazione e mancata manutenzione le cause.

- CROLLO DI FOGGIA
Nel 1999 la città di Foggia passò tristemente alla cronaca per il crollo di un palazzo in viale Giotto. Un cedimento strutturale, l'uso di cemento di bassa qualità e i controlli inadeguati furono ritenute le cause della morte di 67 persone.


- PONTE MORANDI
Concludiamo, purtroppo, il nostro articolo con il dramma del viadotto Polcedera. Ideato da Riccardo Morandi negli anni Sessanta, ad agosto ha ceduto provocando 43 vittime. Le indagini, si spera, chiariranno presto quali errori sono stati commessi e chi dovrà pagare.





© Copyright DeA 59 S.r.l. 2017 - P.IVA 02405400033
DeA 59 S.r.l., Società con Socio unico - Sede legale in Novara, Via Giovanni da Verrazano n. 15 - Codice fiscale ed iscrizione al Registro delle Imprese di Novara n. 02405400033 - Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. - Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di De Agostini Editore S.p.A. con sede legale in Novara, Via Giovanni da Verrazano n. 15.