Super Bowl: il più grande spettacolo del mondo

Si potrebbe parlare di un “super” Super Bowl, se non fosse ridondante, si potrebbe parlare di numeri e si potrebbe parlare di storia, fatto sta che questo Super Bowl è stato davvero eccezionale. 
La temperatura fuori dallo stadio U.S. Bank di Minneapolis, in Minnesota, si aggirava intorno ai -20 gradi ma all’interno si respirava un’altra aria già prima che Pink cantasse l’inno americano.
I New England Patriots e i Philadelphia Eagles si sono sfidati per il Super Bowl numero 52, forse il più bello di sempre: di solito si parla del Super Bowl come di uno spettacolo grandioso anche grazie alla spettacolarità del “contorno”, questa volta invece, più di tante altre, si è visto subito che sarebbe stato il campo al centro di tutte le attenzioni. La squadra di Philadelphia è passata subito in vantaggio, riuscendo a distaccare gli avversari di 10 punti alla fine del secondo quarto. E già a questo punto, a metà partita, si sono visti colpi spettacolari, un punteggio elevatissimo di 22 a 12 e record battuti da entrambi i quarterback.
L’half time show ha visto protagonista Justin Timberlake, che ha approfittato di tutto il campo per mettere in scena uno show senza pause: dal pianoforte, ai balli, alle coreografie con l’orchestra, l’ex degli NSYNC ha occupato tutto il campo con un palco enorme, fatto di scale e podi sui quali mettersi in mostra. Forse fa un po’ effetto pensare che, in attesa che venisse montato il palco, l’intrattenitore fosse Sting.
Alla ripresa del gioco Tom Brady, la leggenda dei New England Patriots, è salito in cattedra battendo tutti record che già gli appartenevano. La seconda metà di partita è stata un’escalation di emozioni: la squadra di Philadelphia si è trovata per la prima volta in svantaggio durante il match, salvo poi reagire con veemenza e vincere il suo primo Lombardi Trophy, con il punteggio di 41-33.
Storia nella storia quella del MVP Nick Foles, quarterback di riserva delle aquile, che si è trovato finalmente titolare dopo la fine della stagione regolamentare e ha portato la squadra di Philadelphia a vincere il Super Bowl segnando anche una meta: il classico sogno americano.
Insomma, è stato uno spettacolo difficilmente ripetibile, con record sfiorati e record stracciati, un ritmo di gioco pazzesco e la sensazione in tutti gli spettatori di aver assistito davvero al più grande Super Bowl della storia.



© Copyright De Agostini Editore 2017 - P.IVA 01689650032
De Agostini Editore S.p.A., sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A., - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)